giovedì 14 ottobre 2010

La figlia confessa di aver subito molestie, la madre tenta di evirare il cognato

A Rimini una donna ha tentato di evirare il cognato trentatreenne dopo che la figlia, scioccata dalla vicenda di Sarah Scazzi in televisione, le aveva confidato di aver subito delle molestie. La polizia l’ha trovata dopo l’accaduto dai Carabinieri mentre stava denunciando il congiunto.

“Lo zio mi ha molestata, come è successo a Sarah Scazzi.” Sarebbe stata questa terribile confessione, fatta dalla figlia dodicenne, ad indurre una donna, la madre della stessa ragazza, a tentare di evirare il cognato di 33 anni.

I fatti si sono svolti a Rimini. La madre avrebbe raccolto lo sfogo della figlia qualche giorno fa, durante un telegiornale dove si parlava della tragica vicenda della ragazza pugliese. La donna si sarebbe convinta della veridicità del racconto anche in base dei dettagli raccontati dalla piccola ed a quel punto avrebbe dato un appuntamento al cognato, un trentatreenne di origine albanese.

L’uomo, si è presentato all’appuntamento in un bar con un amico ed è subito stato affrontato e minacciato di morte dalla donna in caso si fosse riavvicinato alla figlia. Dopo uno spintone da parte di quest’ultimo la madre ha tentato di evirare il cognato con un coltello da cucina preso dal cruscotto della macchina, procurandogli però solo un graffio.

La lite è stata sedata da alcune persone presenti sul posto e qualcuno ha chiamato il 113. La donna nel frattempo si era però allontanata non volendo ascoltare le spiegazioni del cognato. La polizia, accorsa sul posto, l’ha trovata poco dopo dai Carabinieri mentre stava sporgendo denuncia contro il parente. Gli agenti l’hanno denunciata a sua volta per minaccia aggravata. Ora spetterà alla magistratura fare chiarezza su tutti gli aspetti della vicenda.

[Fonte telesanterno.com]

1 commento:

  1. eccellente!! questa è la fine che meritano i pedofili

    RispondiElimina