sabato 2 ottobre 2010

Sassari, lunedì il giudice ascolterà la 15enne che si è opposta all´allontanamento. Strane omissioni

Sulla vicenda di Sassari è calato un sinistro silenzio. Il papà e i nonni di Chiara (il nome è di fantasia) hanno ricevuto la convocazione per lunedì pomeriggio della ragazza dal giudice, al quale finalmente potrà spiegare che non vuole essere allontanata, per nessuna ragione, dalla propria famiglia.

E mentre la 15enne ha scritto una seconda lettera di supplica al magistrato ("ho paura...."), strane ombre si annidano sull'accaduto. Infatti, sembra che il provvedimento di allontanamento sia stato adottato quale "mezzo istruttorio", e non come misura definitiva. In parole povere, si sarebbe disposto il ricovero in una comunità al fine soltanto di "accertare" eventuali disagi di Chiara, la quale, dal canto suo, accuserebbe l'assistente sociale di aver omesso, nella sua relazione, i dettagli più importanti relativi al rapporto con la madre.

Per il momento la ragazza rimane a casa, al sicuro, protetta dalla sua stessa determinazione. Fondamentale sarà il colloquio con il giudice. Ma la 15enne avrebbe una profonda paura di essere allontanata, in qualche modo, proprio in quella occasione. Lo stress subito ha lasciato il segno.


Precedente articolo del 28/9. Evitato di un soffio, a Sassari, l'allontanamento di una 15enne che si è opposta con tutte le sue forze ad un ingiusto provvedimento giudiziale. Il 29 Settembre, l'avvocato del padre ha depositato l'istanza di revoca del provvedimento, e il giudice si è dichiarato disponibile ad ascoltare la ragazza, che ha scritto un accorato appello a lasciarla in famiglia. Per adesso il pericolo sembra scampato, ma il provvedimento è ancora in vigore, e Chiara (il nome è di fantasia) non può neanche andare a scuola perchè i servizi sociali avevano già provveduto ad iscriverla in un altro istituto, vicino alla comunità per minori dove la 15enne era destinata.

Dal colloquio con il giudice è emersa una verità agghiacciante: l'operatrice (che ieri ha sostato di fronte casa per oltre 8 ore) ha chiesto al giudice l'autorizzazione all'uso della forza, ma il magistrato avrebbe opposto un netto rifiuto.

Molti sarebbero, pertanto, gli interrogativi posti a carico dell'operato dei servizi sociali.



AGGIORNAMENTO DEL 29/9 ALLE H. 10:30
- Dell'assistente sociale non v'è traccia, ma il papà stanotte ha dormito davanti la porta, chiusa a tripla mandata, semmai qualcuno avesse voluto forzarla. La ragazza, ad insaputa di tutti, sarebbe stata iscritta dai servizi sociali in un altra scuola, cosicchè Chiara (il nome è di fantasia) non può frequentare le lezioni nella scuola di sempre.

Per il momento regna la calma. L'avvocato della famiglia presenterà stamattina una istanza urgente di sospensione e/o revoca del provvedimento, allegando la lettera che la ragazza ha scritto di suo pugno al giudice. Qualcun altro, pare, sta già intervenendo presso l'ordine nazionale degli assistenti sociali, presso il sindaco e presso il Governo.


AGGIORNAMENTO DEL 28/9 ALLE H. 22:30 - L'assistente sociale non è più tornata, ma in compenso ha portato via gli effetti personali della ragazza. Li ha presi dall'ingresso dell'abitazione e li ha messi in macchina, confidando sulla buona riuscita dei suo uffici. Il papà, allora, l'ha raggiunta telefonicamente per chiederne la restituzione (visto l'esito "infausto" della giornata), ma la risposta è stata "a che le servono i vestiti, tanto domani torno...".

Il genitore ha insistito, minacciando di chiamare la polizia, e ha raggiunto l'accordo di andare personalmente a riprendere il bagaglio. Non senza paura che qualcuno, in sua assenza, se ne approfittasse. L'operatrice, appena raggiunta dal padre, ha profferito un sinistro avvertimento: "veda, caro signore, lei non mi deve costringere a fare cose che non voglio fare. Vent'anni fa, per evitare che la gente portasse via i bambini nei boschi prima del nostro arrivo, io mandavo qualcuno in borghese, alle quattro del mattino, così non mi facevo fregare...".

Non c'è che dire, nel suo campo è un'esperta: non concede tregua neanche di notte.


AGGIORNAMENTO DEL28/9 ALLE H. 16:30 - La ragazza ha continuato a resistere alle pressioni dell'assistente sociale, la quale tuonava "qui non comandi tu, nemmeno tuo padre e i tuoi nonni, ma solo il giudice !".

Chiara (il nome è di fantasia) è andata a riposare. Ha dormito un paio d'ore, vinta dalla stanchezza. E' letteralmente crollata. Al risveglio, il ritorno alla realtà. L'assistente sociale era ancora lì sotto casa, che parlava nervosamente al telefono. Improvvisamente, verso le 16:30, è andata "a prendere un documento in ufficio", e non ha ancora fatto ritorno.

Si prosegue, con la giovane Chiara chiusa a testa alta dentro casa, pronta a combattere ancora.



AGGIORNAMENTO DEL 28/9 ALLE H. 12:00 - Di fronte la determinazione della ragazza, i carabinieri si sono rifiutati di intervenire con la forza, lasciando di fatto l'assistente sociale ad eseguire, da sola, il provvedimento. La zelante operatrice dei servizi ha affermato "da qui non me ne vado senza la ragazza". Chiara (è un nome di fantasia) è molto scossa, ed è stato chiamato il medico di famiglia per certificare lo stato d'ansia e lo stress che sta subendo in questo momento.

Sassari. La vicenda che vi raccontiamo, evitando (per il momento) i dettagli personali, è in pieno svolgimento. Stamane un paio di assistenti sociali si recheranno presso l'abitazione di un papà e di una ragazza di 15 anni, per i quali il tribunale minorile sardo ha previsto una gustosa sottrazione.

In sintesi, la mamma è stata allontanata, tempo addietro, per presunti maltrattamenti verso la figlia, la quale era stata temporaneamente affidata alla nonna paterna, in attesa del ritorno del padre dall'estero dove da anni lavora e mantiene la figlia dopo la separazione. Il rapporto tra il padre e la ragazza, nonostante la lontananza, è sempre stato saldo e affettuoso, e i nonni hanno fatto il resto, come è sempre accaduto nella storia della rete familiare italiana.

A fine Luglio il tribunale emette un provvedimento di allontanamento, con "ricovero" in una fruttuosa comunità per minori, ma il ritorno definitivo del padre crea scompiglio nei piani dei servizi sociali, che erano stati incaricati di eseguire. Peraltro, la ragazza non vuole proprio saperne di uscire dal suo nucleo familiare, e ha già annunciato battaglia.

Da notare che l'assistente sociale che ha preannunciato il suo arrivo per stamattina, ha chiesto "di scendere giù di sotto, perchè lei non può salire, se non con la pubblica autorità". Difficilmente verrà accontentata...

Soltanto le ferie degli assistenti sociali hanno permesso il rinvio dell'esecuzione, ma oggi, come ci riferisce il padre che ci ha raggiunti telefonicamente, neanche la forza pubblica potrà vincere la resistenza di una ragazza che, forte dei suoi 15 anni, si opporrà con tutta sè stessa.

E a pensarci bene la cosa non è di poco conto. Di fronte alla determinazione di una 15enne nel non voler seguire assistenti sociali e forza pubblica, l'eventuale uso della forza diventa automaticamente reato di maltrattamenti e violenza privata, da poter denunciare in procura. 
 
[Fonte adiantum.it]

Nessun commento:

Posta un commento