mercoledì 3 novembre 2010

Le ville della vedova Raciti


di Vittoria Conti- Era il 2 febbraio 2007 quando l’ispettore Filippo Raciti perse la vita durante il derby Catania – Palermo svoltosi allo stadio Massimino. Morte riconosciuta e sentita a livello nazionale, come d’uopo, non solo perché l’ispettore Raciti è morto durante lo svolgimento del servizio, ma perché lasciava una famiglia composta da due bambini ed una moglie.

Da Palermo vengono rilanciate le ombre. Stando a Fabio Mazzarella di www.palermochannel.tv,  diversi sono stati gli aiuti economici in favore della famiglia Raciti – Grasso: “l’Associazione Italiana Arbitri, ha donato 30.000 Euro; a seguire, il Governo ha risarcito moralmente la famiglia di 75.000 mila euro per ognuno dei figli; ed ancora raccolte fondi e collette di vera e propria beneficenza per una donna “afflitta dal dolore” a causa dell’assurda perdita del marito”.

E fino a qui sembrerebbe tutto normale se non fosse che, in realtà, la giovane vedovella “non andava per niente d’accordo con il marito essendo: sposati, si, ma separati!” Una parte di questi fondi, ricevuti dalla “vedova”, sono stati investiti in una “villa ad Acitrezza in cui abita con il suo attuale compagno ex collega del defunto!” Non solo, ma la “signora vedova”, ad onor del giusto, spesso e volentieri è stata presente in programmi tv, lamentandosi della città di Catania, mettendo in evidenza alcune delle inefficienze legate alla sicurezza, all’inciviltà e disquisendo di problematiche sociali inappuntabili. Nonostante la comunità catanese la invitasse a non esporsi più in pubblico, perchè “u sovecchiu e comu u mancanti” lei continuò a parlare e straparlare, facendo accrescere le “donazioni” per lei e per i suoi due figli.
I fondi crebbero a tal punto che riuscì anche ad acquistare “una villa in Sardegna in cui passa le vacanze con figli e fidanzato!” Un caso quello della vedova Raciti costruito per lo più dalla stampa, che ha indotto tutta l’Italia a “donare” conforto (e non solo) a questa giovane donna, che indubbiamente ha trovato il modo di consolarsi. L’opinione pubblica, dunque, è stata abbindolata dai media attraverso la figura afflitta, sconvolta e disperata di una giovane donna con a carico due figli. Noi non siamo qui, per giudicare la condotta morale della Signora Grasso poiché, si sa, chi “muore giace e chi vive si da pace”, e non vogliamo neanche sembrarvi cinici o spudorati nel linguaggio, ma la verità non sta mai da una parte sola. Oggi la stampa è in grado di manipolare le coscienze, svelare e tenere nascosti fatti, o addirittura camuffarli, ma è anche giusto dare spazio a questo genere di notizie per creare un confronto sano.

Vi sono tantissimi militari, rientrati dalla missione in Kosovo, malati di tumore che non percepiscono neanche lo stipendio, poiché lo Stato non gli riconosce la causa di servizio; migliaia di figli di vittime del dovere in attesa di essere riconosciuti come tali; tantissime donne perdono i loro uomini sul lavoro (morti bianche) e non hanno il diritto di esporsi con la stampa, non chiedono nulla perché spesso nei loro confronti si alza un muro di omertà, che spinge gli stessi lavoratori a tacere.

“Parlare di morte è come parlare di denaro. Noi non sappiamo né il prezzo né il valore”. (Charles Bukowski)

[Fonte http://lnx.cataniapolitica.it/wordpress/archives/18517]

3 commenti:

  1. gradirei contattare il gestore del blug URGENTEMENTE!

    RispondiElimina
  2. Io vorrei dire solo due parole alla sig raciti se tutte queste cose sono vere.
    Lei si e prrmessa di dire determinate cose sulle cose che riguardano la partita di finale coppa italia napoli-fiorentina sul fatto della maglietta di genny a carogna di cui cera scritto speziale libero.
    Allora che si ricordasse che circa 1mese fa nella sala di un tribunale furono apllauditi dei polizziotti assassini dai loro compagni per la scarcerazione che ammazzarono un povero ragazzo non dimentichiamo le povere vittime morte sempre per altri fatti del genere oppure persone che sono state giustiziate e incolpate essendo innocenti e facendosi pure 10 anni di carcere e dopo che li hanno assolti non sono stati nemmeno pagati.
    Sig ra ta pozz ricer na cos ma acciret.

    RispondiElimina