giovedì 10 novembre 2011

"Verginità vendesi 15.000 $". Agenzia Escort Choc

La verginità di un'adolescene 19enne venduta al miglio offerente, partendo da una base di 15mila dollari. È l'asta choc di una agenzia di escort di Sidney, Australia. 

MyOutCall, così si chiama l'agenzia, è adesso al centro si una bufera mediatica e non solo. 

Sono state infatti migliaia le voci di cittadini indignati che si sono levate contro la controversa asta. 

Oggetto della compravendita online, appunto, la verginità di una ragazzina cinese di 19 anni, studentessa  dell’Università di Sydney, "affittata" come fosse una'automobile per quattro giorni al prezzo base di 15mila dollari.

A scoprire l'asta in Rete un’inchiesta condotta dalla società di consulenza dell’industria del sesso Brothel Busters, che ha scoperto, inoltre, che l’agenzia vorrebbe un deposito di 2000 dollari con il saldo da pagare al ricevimento dei servizi dalla ragazza. Intervistato dal Daily Telegraph, un manager di MyOutCall che si fa chiamare Duncan ha confermato tutto. 


“E’ abbastanza comune a Sidney” ha detto, aggiungendo che aveva già ricevuto le proposte di “due clienti molto interessati”. 

"Come tornare alla schiavitù", denuncia il portavoce dell Australian Family Association, Tim Cannon che accusa: "Il danno che arreca alla società e ai sacrifici fatti per ottenere il rispetto della dignità umana non può essere sottovalutato”. ”C’è un tema tristemente ricorrente tra le giovani ragazze asiatiche che vengono in Australia per studiare e lavorare, e indebitarsi. E’ chiaro che chi fa questo ha bisogno dei soldi con urgenza” è, invece il commento del capo della Brothel Busters, Chris Seage.



http://www.leggo.it/articolo.php?id=147700

Nessun commento:

Posta un commento